Help Line

FB / IG / LK / YT

News

Tatuaggi e melanomi: quali le correlazioni tra i due?

I tatuaggi sono un’arte antichissima, oggi sempre più diffusi e popolari tra moltissime persone. Sessanta milioni di europei, tra cui sette milioni di italiani, si sono sottoposti ad almeno un tatuaggio: una percentuale davvero rilevante. Ma che impatto ha questa pratica, da un punto di vista scientifico, sul nostro corpo? È fondamentale, innanzitutto, sottolineare l’importanza di tatuarsi in piena sicurezza, affidandosi a professionisti seri e nel rispetto delle regole. Il tatuaggio si effettua inserendo nel derma sostanze chimiche colorate; in modo tale che esse restano permanenti e non c’è pericolo che scompaiono nel tempo.

Questa pratica non aumenta di per sé il rischio di melanoma, ma qualora i colori coprano dei nei, possono complicare il processo di diagnosi, nascondendo nevi potenzialmente pericolosi. Per quanto riguarda l’incidenza dei colori, nel mese di gennaio è stata pubblicata una nuova normativa europea, che regolamenta inchiostri e pigmenti utilizzati. Il disciplinare per l’utilizzo dei colori ha come obiettivo quello di scongiurare l’uso di pigmenti e inchiostri che possano generare reazioni avverse di tipo infiammatorio, ma anche conseguenze più gravi, come formazioni cancerose. 

La diffusione su larga scala della Body Art sta rendendo l’osservazione del melanoma nei tatuaggi più frequente nella pratica dermatologica. È stato riscontrato che la maggior parte dei melanomi insorti nelle aree tatuate sono localizzate nelle aree blu o nere, mentre la maggior parte dei carcinomi a cellule squamose si trovano all’interno dei tatuaggi rossi. 

Questa associazione, però, potrebbe essere casuale, perché il rosso e il nero sono i colori dell’inchiostro più comunemente usati nei tatuaggi. Tatuaggi ed inchiostri possiamo dunque concludere che non sono causa diretta dei melanomi, ma restano pur sempre sostanze esterne che possono interferire con la nostra salute. Per questo motivo una pratica consapevole e l’affidamento a professionisti del settore restano le migliori pratiche per evitare di incorrere in situazioni potenzialmente pericolose per la propria salute. 

La Carolina Zani Melanoma Foundation ETS Protagonista del Match Brescia Basket vs. Umana Reyer Venezia

Il ruolo del caregiver nella cura del paziente con melanoma

La Fondazione premia la vincitrice del primo bando di ricerca

Ti ascoltiamo

Per qualsiasi necessità non esitare a contattarci.

Help Line

La Carolina Zani Melanoma Foundation, attraverso una collaborazione con A.I.Ma.Me. Associazione Italiana Malati di Melanoma, mette a disposizione una sezione dedicata alla Helpline: uno spazio di ascolto in grado di fornire informazioni, supporto e guida a chiunque abbia domande o dubbi su questa malattia.

A.I.Ma.Me.

06 49776088
info@aimame.it​

L'ambiente si aiuta anche con piccoli semplici gesti

Questa schermata permette al tuo computer di consumare meno energia elettrica quando ti allontani o non stai navigando sul nostro sito internet.